pizia

La morte della Pizia


presenta

Daniele Pecci

in

LA MORTE DELLA PIZIA

di Friedrich Dürrenmatt

accompagnamento al violoncello

Chiara Di Benedetto

________________________________________
Durata spettacolo: 60 minuti
Numero atti: Atto unico
________________________________________

Nella mitologia greca, la Pizia era l’eletta sacerdotessa del dio Apollo a Delfi che, seduta sul suo tripode e avvolta dal vapore, profetizzava agli uomini il volere degli dèi attraverso un solenne vaticinio.
Nel racconto La morte della Pizia di Friedrich Dürrenmatt, pubblicato nel Mitmacher nel 1976, la profetessa di Apollo diventa “un’imbrogliona che improvvisava gli oracoli a casaccio, secondo l’umore del momento”, l’ultima delle pizie che appaiono come la versione antica delle cartomanti di oggi.
Friedrich Dürrenmatt, scrittore svizzero del Novecento (1921-1990), tiene in modo particolare alla parodia (un altro tentativo riuscito è Il Minotauro) e con questo racconto, piccolo capolavoro della burla ironica, ci presenta un mito che assomiglia a una caricatura, prendendo tuttavia le dovute distanze dalla satira e dal sarcasmo infondato.
Perché la messa in ridicolo della Pizia è motivata dalla ragione prima del suo autore, ovvero l’investigazione e l’interpretazione dello straordinario arcano, il protagonista assoluto del racconto, che fa uscire pazzi gli antichi greci che gli si accostavano con fede incondizionata.
Anche nella reinterpretazione del testo, firmata da Daniele Pecci, nasce una rilettura laica, sottile, dissacratoria e divertente del mito greco ed in particolare del mito di Edipo.
Un’ormai decrepita discendente Pizia, sacerdotessa dell’oracolo di Delfi, viene chiamata a rispondere alle domande di un giovane Edipo. Attraverso il suo sogno si intrecciano in vorticose trame l’invenzione, la casualità e il destino, tutte credibili, che manifesteranno il vero abitante di Delfi: l’enigma.

________________________________________
BIOGRAFIE

Daniele Pecci
Debutta nel 1990 in teatro, dove lavora quasi ininterrottamente, come attore e regista, fino alla prima metà degli anni 2000, quando diventa molto popolare grazie alle fiction “Il bello delle donne” (2002-2003) e “Orgoglio” (2004-2006). Sempre per la televisione, nel 2005 è nel cast internazionale di “San Pietro e Giovanni Paolo II”, mentre nel 2007 è tra i protagonisti di “Eravamo solo mille”, entrambe fiction trasmesse da Raiuno.
Nel 2008 ritorna su Canale 5 nelle fiction “L’ultimo padrino” e “Crimini bianchi”.
Debutta al cinema nel 2009 con il film “Fortapàsc” di Marco Risi, cui segue nel 2010 “Mine vaganti” di Ferzan Özpetek.
I lavori a teatro non si sono mai interrotti. Tra questi segnaliamo “Come vi piace” (2011), “Scene da un matrimonio” (2010-2012), “Kramer contro Kramer” (2010-2012), “Edipo re” (2013), “L’ultima notte di Scolacium – Musical” (agosto 2014), “Amleto” (2014-2016), “Medea” (2015) ed “Enrico V” (2017).

Chiara Di Benedetto
Inizia lo studio del violoncello all’età di 8 anni al Conservatorio Ghedini di Cuneo. Ha approfondito la preparazione cameristica seguendo corsi del Maestro Manuel Zigante, di Monica Cattarossi e Francesca Leonardi; ha seguito masterclass di musica barocca e di passi d’orchestra.
Dal 2014 al 2016 è stata una dei solisti dell’orchestra da Camera Italiana Antonio Vivaldi di Mortara. Nel 2015 e nel 2016 ha fatto parte dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo, nella 65ª e 66ª edizione del Festival della Canzone Italiana.
Con l’Orchestra Sinfonica di Asti ha collaborato come violoncello di fila nel 2016 per la serata d’inaugurazione del “Calendario Pirelli”, diretti dal Maestro Nicola Piovani ed il Maestro Marcello Rota.
Dal 2016 collabora saltuariamente come violoncello di fila nella stagione artistica dell’Orchestra
Sinfonica di Sanremo.
Nel 2017 ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica di Asti come violoncello di fila e concertino
dei violoncelli alla tournée “Notte magica” che accompagnava Il Volo nei più importanti palazzetti
e arene italiane.
Sempre nel 2017 ha partecipato allo spettacolo di Renato Zero “Zerovskij…solo per amore”, come
violoncello di fila nell’Orchestra Filarmonica della Franciacorta.
Nel 2018 ha fatto parte della “Young Orchestra” diretta dal M° Diego Basso in occasione del programma televisivo “Sanremo Young” in onda in diretta su Raiuno.
Con la cantautrice Roberta Di Lorenzo ha suonato all’apertura di un concerto di Antonella Ruggiero
nel luglio del 2017.
In ambito jazz collabora da molti anni, in diverse formazioni ed ensemble, con il M° Riccardo Zegna e il M° Luigi Bonafede, con quest’ultimo ha inoltre messo in scena uno spettacolo con la partecipazione del M° Flavio Boltro.

UFFICIO TEATRO

Giampaolo Bernabini - Istruttore Servizi Culturali e Turistici Largo Alcide De Gasperi, 9 - 47027 Sarsina FC
Tel. 0547 94901Fax 0547 95384
cultura@comune.sarsina.fc.it
organizzazione@plautusfestival.it

UFFICIO BIGLIETTERIA

Aperto dai primi giorni del mese di luglio fino al termine del Festival

Alessandra Bagaglia
Via IV Novembre, 13 - 47027 Sarsina FC
Tel./Fax 0547 698102
info@plautusfestival.it